anche un maschio

images
Lungo il tragitto da Fiumicino, Uma dirà per sommi capi all’amica quanto per capi ancora più sommi ha appreso. Chiudendo con una domanda.

Forse, l’ultima che al suo posto Valeria si sarebbe fatta, nel frangente.

Ma l’amica la conosceva.

E comprenderà anche di non trovarsi davanti a una vera domanda.

Inclusa l’allusione finale.

Tecnicamente, cosa divento io per questo baby che nasce? Zia no. Nemmeno cugina. Prozia? Boh! E cosa sono le prozie, veramente? Forse a Boston non esistono neanche, le prozie. Chi se ne importa! Divento Uma. E basta. Speriamo che sia femmina. O forse no, anche maschio va bene. No, Valeria? Ma sì, può andar bene anche un maschio. Sì, anche un maschio.

Estratto da Ordini simbolici in sedici 1991

images

 

 

 

Even a boy

Along the way from Fiumicino, Uma will briefly tell her friend what more briefly she had learned. And she’ll finally ask something to Valeria, quite excited at the news even if undoubtedly involved in a different way, always in the car. Perhaps the last of the questions she would have done in that situation, if she was in her shoes. But Valeria knew her enough. And she’ll realizes that it is not a real question. Including the final allusion.

Technically, what do I become for this baby born? Not an Aunt. Not even a cousin. Great-aunt? Boh, And what really are the great-aunts? Maybe in Boston they do not even exist, the great-aunts. Who cares. I become  Uma. And that’s it. Hopefully it will be a little girl. Or maybe not. Even a boy  is fine. Is it not, Valeria? Come on, yes, even a boy can do it. Yes, even a boy.

Excerpt from  Symbolic Order in Sixteen 1991 – Speech: Uma