povera Italia

 

 

Viene inaugurato da un lampo di guerra.

Nei cieli di Iraq e Kwait. Anzi, proprio con una Operazione Lampo. Durerà un mese circa. Italia sarà coinvolta nel Lampo. In modo alquanto raffazzonato.

Un risvolto niente affatto militare farà arrossire Italia in mondovisione. Rapirono due militari italiani. Si videro in televisione. Spesso. Emilio Fede all’epoca dirigeva uno show che si faceva chiamare Telegiornale. Una battuta di poco Fede, se non nella Storia, resterà nelle orecchie a lungo: Cocciolone, che gambe! Cocciolone è il cognome di uno dei rapiti. L’altro è Bellini. Il cognome della proprietaria – o proprietario, ma più facile la prima – delle gambe? Non pervenuto. Nel 1991 il signor Fede non è ancora noto come personaggio da bunga bunga. Né sottoposto a indagine e poi condannato per sfruttamento della prostituzione. Però, tenere a mente. Nel 1991 è il signore di quella battuta lì. Povera Italia!

Passiamo ad altro. Meglio.

 

cropped-caramelle.jpg

A est prosegue la sete di libertà e indipendenza.

Sete a grappolo. In qualche caso si tratta di ratifiche dall’anno precedente. Come per la prima a teatro, dopo le prove d’orchestra. I nomi degli Stati coinvolti nella sete, con varie sfumature, fanno pensare al Risiko. Georgia. Ucraina. Bielorussia. Moldavia. Azerbaigian. Kirghizistan. Uzbekistan. Lituania. Armenia. Tagikistan. Vedremo, nel futuro, la fine che faranno alcune seti di libertà.

La Jugoslavia si dissolve definitivamente. E inizia, anzi iniziano, una guerra fratricida. Capiterà di parlarne anche nella nostra piccola storia.

A fine anno muore Unione Sovietica. Amen. E nasce Comunità degli Stati Indipendenti. Prosit. Sciolto il Patto di Varsavia. Un de profundis anche per lui.

Ma Russia è ancora padrona della scena.

A Mosca tentano un colpo di stato ad agosto. Sequestrano Gorbachev, l’uomo con voglie sopra e nella testa. Crisi risolta con l’elezione di un signore di nome Eltsin. Risolta? Mah. Arrivederci al 1992 per il prosieguo della telenovela russa.

En passant, in tema di presidenze, Clinton annuncia la candidatura per l’anno seguente. Per cosa, non occorre scriverlo. Arrivederci anche a Bill.

Rientriamo in Italia. A febbraio, per la terza volta, sempre in un Congresso, il segretario Achille Occhetto annuncia la trasformazione del PCI in PDS. Se non la lotta, la prova continua. Torniamo fuori dai confini ché è meglio? No, restiamo in Italia. E finiamo in mare.

Due disastri due nel 1991. Uno sarà la più grave tragedia nella storia della marina mercantile italiana.

Aprile. Al largo di Livorno s’incontrano un traghetto di nome Moby Prince e una petroliera di nome Agip Abruzzo. Attrazione fatale. Bando alle battute, muoiono 140 persone. Ancora aprile, a  Genova salta in aria un’altra petroliera e fa fuori solo (!) 5 persone, ma rilascia una tale quantità di greggio da sterminare la vita e molto altro di marino. Per sempre. Da quelle parti. Urge trovare fonti energetiche alternative. Ma quando? Ma dove? Ma chi?

[…]

Da Lampi e web in sedici 1991

 

 

 

poor Italy

It begun with a flash of war in the skies of Iraq and Kwait. Indeed, it was a true Flash Operation. It lasted hardly a month. Italia was involved in the Flash in her own way. That is, slapdashed. The issue will have an all but military outcome, something to blush in shame for, almost in world vision. Two Italian soldiers were kidnapped. They were shown in tv, in a video. A video broadcasted many times. Emilio Fede, at that time, was already and still a director of something very politically called newscast. The matter will be remembered by many man and women mainly for an impolitic joke. Joke off the air, but then aired, even outside Italy. Cocciolone, what a legs! Cocciolone was the surname of one of the kidnapped soldiers. The other was Bellini. The last name of the legs’ owner? Not specified.

That’s a bit gossip, and a bit, alas, will remain in the books of history, with capital letters. In 1991 Mr Fede wasn’t still known as the Bunga-Bunga romance character. And neither subject to judicial investigation and then convicted for pimping. But, keep in mind. In 1991 he is the lord who made that kind of Joke. In world vision, almost. Poor Italy. Let’s go to other issues.

Yugoslavia dissolves permanently. And a fratricide war starts… indeed it is started. We’ll talk about it in our story. Towards the end of the year, Soviet Union dies. Amen. And Commonwealth of Independent States is born. Prosit. Still East.  The Warsaw Pact is finally dissolved. A De Profundis for him, as well.  Always in the East, for completeness. Russia is still the lady of the scene. In August, a coup d’etat is attempted in Moscow. The Head of  State Gorbačëv,  the man with a strange land designed on and inside his head. Revolts and several sieges of different offices of the Communist Party, always in Moscow. Crisis overcome with the election of a new man, named fa Boris Eltsin. Overcome? Mah. By the way, at the end of the year, Gorbachev resigns also as Secretary of the Party. And bye bye 1992, Russian telenovela to be continued. En passant, talking about presidency, Bill Clinton announces his candidacy for the following year. Bye bye.

Let’s go to Italy. In February, for the third time, always in a Congress, the Secretary Achille Ochetto announces the transformation of PCI (Italian Comunist Party) into PDS (Socialist Democratic Party). Hasta la vida, hasta la muerte… they keep on trying. Let’s go back, over the national borders, that’s better, isn’t it? Well, no. Let’s stay in Italy. And let’s jump into the sea. Two disasters in 1991. One, in particular, is the biggest tragedy in the history of the Italian merchant navy. In April, off the coast of Livorno, a ferry named Moby Prince meets a tanker named Agip Abruzzo. Fatal Attraction. No humor, 140 people die. Always April, in Genoa, a tanker explodes. Just (!) 5 people died, but it spreads such a large amount of crude oil to exterminate life and much of the marine environment. Forever, in that area. Seeking alternative energy sources becomes urgent. If not, at this rate, we end up badly. But when? But where? But who? […]

Excerpt from Flashes and the web in sixteen 1991