le chiamano commedie

17 febbraio 1993. Ore 7 del mattino, circa.

Squilla il telefono di Paola. Non il cellulare, quello di casa. È un mercoledì. E lei è a Catania, già detto.

Squillò il cellulare e lei dormiva. Era mattiniera, ma non così tanto. E poi voleva festeggiare. Da sola, ma festeggiare. Con una bella dormita, tanto per iniziare. Continua a leggere